News

Fall 09/09/2014

KNOW HOW AZIENDALE: COME NASCE E COME SI TRASMETTE

Un argomento fondamentale per la vita di un'impresa.

Come nascono i diritti di proprietà industriale e come si proteggono? Come valorizzare know-how? Si tratta di argomenti piuttosto delicati, cruciali nella vita di un'azienda. E oggi alle 15 un convegno quanto mai opportuno, "Know how aziendale" - Nascita dei diritti di proprietà industriale in azienda e loro successiva circolazione, vuole cercare di metterne in luce tutti i punti nevralgici, con particolare attenzione al trasferimento tecnologico e del know-how nell'ambito giuslavoristico e nei più importanti contratti tra imprese. L'iniziativa è organizzata e coordinata dalla Fondazione Centro Produttività Veneto e interverranno l'avvocato Nicola Alberti dello Studio Legale Alberti & Fontana s.t.p. di Vicenza, esperto in Proprietà Intellettuale, che si dedicherà alla paternità delle creazioni e titolarità dei diritti di sfruttamento economico nella materia dei brevetti, marchi, design, diritti d'autore, know-how; e l'avvocato Francesco Fontana dello stesso Studio Legale, esperto in Proprietà Intellettuale che si occuperà del trasferimento tecnologico e del knowhow, degli accordi anticompetitivi tra imprese e del knowhow nel diritto del lavoro e nel contratto di subfornitura.

— More News from September
September 12/04/2017

L’ESPERIENZA DI VICENZAORO ALLA CONDÉ NAST INTERNATIONAL LUXURY CONFERENCE (OMAN, 5-6 APRILE)

Matteo Marzotto, Vice Presidente Esecutivo di Italian Exhibition Group Spa (IEG), ha portato alla Condé Nast International Luxury Conference, prestigioso appuntamento che riunisce ogni anno in un Paese differente i più importanti player ed influencer del lusso mondiale, l’esperienza di VICENZAORO, tra le più autorevoli manifestazioni al mondo per il comparto jewellery internazionale.

Il 5 e il 6 aprile a Muscat in Oman, nell’ambito delle due giornate di conferenze e approfondimenti dedicati alle evoluzioni del luxury globale, animate dalle più autorevoli personalità del pianeta del mondo della moda, degli accessori, della gioielleria e della comunicazione, Matteo Marzotto è stato protagonista giovedì 6 aprile di un talk con Suzy Menkes, giornalista e firma del lusso mondiale tra le più seguite al mondo, ideatrice e direttore di Condé Nast International Luxury Conference.

Il Vice Presidente Marzotto ha presentato ad una platea di oltre 500 delegati la realtà di VICENZAORO, business hub internazionale per l’eccellenza di gamma della gioielleria, capace di riunire nelle tre edizioni annue - due a Vicenza e una a Dubai - 2.800 brand e 54.000 buyer internazionali provenienti da 131 Paesi, ed esportata ai principali trade show del settore in USA, Cina e India. Grazie all’esperienza di VICENZAORO Dubai, da quest’anno nella nuova veste di VOD - Dubai International Jewellery Show (15-18 novembre 2017), il Vice Presidente di IEG ha potuto, inoltre, soffermarsi sulle differenze nel mondo della gioielleria tra Europa e Medio Oriente, area geografica in cui si è svolta questa edizione di Condé Nast International Luxury Conference.

“Negli ultimi anni VICENZAORO ha saputo potenziare il proprio profilo internazionale – ha dichiarato Matteo Marzotto - accreditandosi sempre più come player mondiale autorevole dell’oreficeria e della gioielleria. Non solo un Market Place attrattivo dei migliori brand e buyer su scala globale, ma anche e soprattutto un Content Provider e un Osservatorio privilegiato per conoscere i nuovi trend e le evoluzioni del mercato. Siamo felici di poter mettere al servizio di Condé Nast International Luxury Conference questo nostro bagaglio di esperienze condividendo con gli altri partecipanti il nostro know how, contenuti e riflessioni che crediamo utili per interpretare e comprendere l’evoluzione di un settore molto dinamico come quello della gioielleria mondiale”.

La presenza di Italian Exhibition Group alla Condé Nast International Luxury Conference evidenzia, ancora una volta, il profilo internazionale della società fieristica italiana e di VICENZAORO.

September 12/04/2017

A VICENZAORO SEPTEMBER IL GENERAL MEETING DI MUJERES BRILLANTES

VICENZAORO ospiterà a settembre il Meeting internazionale di “Mujeres Brillantes” (Donne brillanti), un gruppo di circa 500 imprenditrici del comparto orafo che provengono prevalentemente dall’America Latina, ma anche  da Turchia, Russia, Italia, Romania e Israele.

La missione di “Mujeres Brillantes” è aiutare le donne del settore della gioielleria e dell’orologeria a consolidare il proprio business, facendo rete e condividendo le proprie professionalità e la propria esperienza. Le “Mujeres Brillantes” hanno scelto Italian Exhibition Group (IEG), e la piattaforma di VICENZAORO per la stessa visione della parità di genere, il rispetto e l’attenzione dedicate alle donne alla guida delle aziende di gioielleria.

Le “Mujeres Brillantes” si sono riunite in associazione nel 2016, durante la seconda settimana del diamante al World Jewelry Hub, per condividere esperienze e presentarsi compatte davanti all’industria gioielliera. In modo particolare, hanno avvertito l’esigenza di una comunicazione mirata al mondo femminile - il destinatario principale della produzione di gioielli e pietre preziose - e di diffondere una prospettiva di genere nel settore della gioielleria.

La nostra sensazione generale è che l’industria sia concentrata troppo sull’attività di vendita, e non sull’esperienza di acquisto o l’interiorizzazione di altri elementi  – ha affermato la presidente di Mujeres Brillantes, Ali Pastorini. Come donne, istintivamente capiamo che l’atto di acquisto dovrebbe, invece, essere un momento speciale e intimo che trascende la meccanica di una transazione commerciale”. Più che una semplice campagna, l’intento del gruppo  è quello di migliorare l’approccio di marketing a monte e di offrire un nuovo sguardo sul settore attraverso un punto di vista al femminile.

Nasce con questo spirito anche il sito web www.mubri.com , un canale pensato per scambiare esperienze e, soprattutto, per dare spazio e voce alle donne impegnate nel settore della gioielleria di esprimere la loro opinione su problemi e questioni importanti inerenti il mondo orafo-gioielliero. “Siamo un gruppo di inclusione – dice Pastorini - e non di esclusione; il canale youtube, i social, il sito web e questi meeting internazionali hanno l’obiettivo di coinvolgere tutti, raccogliendo esperienze, stimoli e suggerimenti”.

September 12/04/2017

VENDORAFA: UNO STILE UNICO TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE

Gioielli che sono piccole opere d’arte, capaci di coniugare l’estetica del savoir faire italiano, radicato nel territorio, con un processo produttivo proiettato nel futuro.

Profondamente radicata nel distretto più importante della gioielleria italiana, Vendorafa inizia il suo percorso nel 1951 a Valenza come laboratorio artigianale per la produzione di gioielleria e di oreficeria dal marcato segno valenzano. Fin dalla nascita è chiara la tensione verso l’eccellenza della manualità, tradotta in gioielli caratterizzati da una immediata armonia estetica. Proprio la combinazione sinergica tra ricerca del design e massima qualità porta all’affermazione di uno stile che, negli anni, è rimasto la cifra identificativa di ogni collezione. Il passaggio da laboratorio artigianale ad azienda avviene in maniera del tutto naturale grazie al riconoscimento dell’alta expertise acquisita in Italia, ma anche al crescente interesse e alla continua collaborazione con importanti brand internazionali per i quali Vendorafa progetta e realizza linee di gioielli in esclusiva.

Un passaggio che si riflette positivamente anche nella valorizzazione della sede, soggetta a un importante intervento architettonico: la struttura a pianta quadra, ideata su un progetto firmato nel 1968 dall’architetto Ignazio Gardella (citata anche nel volume II dell’Enciclopedia Italiana delle Scienze di De Agostini) è un perfetto esempio di laboratorio studiato per consentire all’orafo di lavorare al meglio attraverso un’illuminazione naturale. Alla tradizione valenzana, basata su un’artigianalità e una manualità d’altri tempi, si affianca, nel tempo, l’esigenza di un aggiornamento continuo, reso possibile dall’uso di macchinari d’alta tecnologia.

Ogni gioiello nasce così da un savoir faire radicato nel territorio e da un processo produttivo proiettato nel futuro: le lavorazioni manuali – come la martellatura, l’incisione e lo sbalzo – sono affiancate da interventi di modellazione di superfici in 3D. Il risultato sono collezioni suggestive, senza riferimenti temporali e dal forte impatto visivo, nelle quali la ricerca estetica e lo studio delle forme rimangono il punto di partenza fondamentale per dare a ogni singolo gioiello una propria personalità: riferimenti a elementi architettonici, giochi di intrecci geometrici e richiami a forme organiche esaltano l’essenza materica dell’oro in tutte le sue molteplici potenzialità, anche combinato con tecniche di smaltatura o illuminato da pietre preziose.  

Ogni gioiello di ogni collezione diventa, così, una piccola opera d’arte da indossare con la consapevolezza di avere un pezzo unico dall’alto valore aggiunto. Come la collezione Dune, nella quale la solidità della tradizione e la forza dell’innovazione si incontrano in forme scultoree che ricordano le dune mosse dal vento, grazie anche alla lucentezza dell’oro martellato, enfatizzata dall’incastonatura di zaffiri o diamanti. Vendorafa è espressione di uno stile unico, frutto del saper fare italiano di antica memoria.

September 12/04/2017

GIOVANNI FERRARIS: L’ARTE DI ESSERE DIVERSI

Creazioni made in Italy piene di joie de vivre, di romanticismo, di colore, originalità e carattere, capaci di suscitare emozioni

La Giovanni Ferraris, fondata nel 1985, è un marchio di orologeria e alta gioielleria dalla forte identità, che investe costantemente nella sperimentazione, nella ricerca e nell’innovazione tra avanzata tecnologia e puro artigianato. Giovanni Ferraris trae alimento dalle radici più profonde nella produzione di gioielli made in Italy per dar vita alle sue creazioni piene di joie de vivre, di romanticismo, di colore e carattere.

L’amore per l’originalità emerge fin dagli inizi, quando Giovanni Ferraris si specializza nella produzione di orologi-gioiello. Negli anni sposta le sue abilità verso la gioielleria e si dedica alla sperimentazione, alla ricerca, all’innovazione tecnica e formale. Osservando i banchi di lavoro dove ha imparato il mestiere, lasciati per dirigere l’azienda, Giovanni Ferraris continua a rivendicare per sé lo status di artigiano genuino. La sua forza risiede proprio nella piccola dimensione dell’azienda, che consente di produrre tutto internamente: prototipo, produzione, selezione delle pietre fino al tocco finale. Tutto al 100% made in Italy.

Poetico, delicato, spesso bucolico, Giovanni Ferraris sa bene come raccontare la magia di un gioiello di alta gioielleria, che si ritrova oggi interprete di un nuovo ‘trend’ in cui la sperimentazione convive amabilmente con la tradizione e l’impiego di materiali ‘classici’. Essenzialità, tradizione e diamanti colorati sono gli elementi chiave della nuova collezione di Giovanni Ferraris, gioielli unici, seducenti e indescrivibili.

“Il mio lavoro parte da un’idea classica del gioiello – ha dichiarato Ferraris –. Creo e modello oggetti in oro e diamanti unendoli a pietre naturali dal fascino insolito. Un gioiello deve essere speciale per il ricordo che evoca. Ed è ciò che io creo: piccole emozioni che danno gioia a chi è in grado di catturarle”.

September 12/04/2017

LA TRADIZIONE DELLE UOVA DI PASQUA NELLA GIOIELLERIA

Se si pensa a uova-gioiello il primo pensiero va alle uova di Fabergé, gioielli russi imperiali creati in tempi relativamente recenti, nel corso del XIX secolo. 

Ma l’idea di uova riccamente decorate tanto da diventare veri e propri gioielli risale a molto prima nel tempo, a miti e leggende legate alla Pasqua che traggono origine da culture e tempi molto diversi tra loro. Nelle religioni pagane l’uovo era considerato un simbolo sacro della primavera e della vita, la Pasqua era una festa della fertilità e della rinascita, del risveglio della natura dopo l'inverno. La parola inglese “Pasqua” deriva da Oestre, il nome della dea sassone della primavera e della femminilità, che si basava, a sua volta, sul nome della divinità della fertilità, Ostara.

Le uova erano una risorsa alimentare preziosa e vitale per le culture antiche. Ricco di sostanze nutritive di vita, per questo e per la sua la forma regolare e perfetta era  considerato uno dei miracoli della natura e venerato come simbolo di abbondanza e di fertilità. La tradizione delle uova di Pasqua decorate, invece, pare risalga alla cultura preistorica ucraina, dove ancora oggi la decorazione di uova è ritenuta una vera e propria forma d'arte. Durante il Medioevo l'uovo di Pasqua è quasi scomparso perché la Chiesa ha voluto sostituire oggetti di culto pagani con le idee cristiane di resurrezione e di rinascita. Tuttavia, la gente amava molto la tradizione pagana delle uova e alla fine la Chiesa ha ceduto e ha finalmente accettato l'uovo come simbolo della Pasqua. In epoca vittoriana, grazie proprio alla regina Vittoria, l’uovo come simbolo da venerare e da omaggiare come buon auspicio riprende la sua centralità con versioni anche lussuose in raso e pizzo e all’interno gioielli. Nel XIX secolo, l’uovo-gioiello trova, infine, la sua massima espressione nelle opere realizzate a mano dal gioielliere reale, Carl Fabergé, per gli zar russi Alessandro III e Nicola II come preziosi regali di Pasqua per le loro mogli e le loro madri.

Il primo uovo Fabergé è realizzato in oro giallo e il suo guscio smaltato di bianco si apre per rivelare altri preziosi gioielli. Dopo la rivoluzione russa, la famiglia Fabergé fu costretta a fuggire dalla Russia. Da allora, il marchio Fabergé è stato venduto e ha cambiato proprietà molte volte. Fino ad oggi, la Casa di Fabergé ha prodotto circa 50 uova, molte delle quali si possono ammirare nei musei di tutto il mondo.

September 12/04/2017

PREVISIONI DI VENDITE RECORD PER LA PASQUA

Secondo l'indagine annuale di NRF (National Retail Federation) condotta da Prosper Insights & Analytics, la spesa per la Pasqua dovrebbe raggiungere 18,4 miliardi di dollari, +6% rispetto alla cifra record dello scorso anno di 17,3 miliardi di dollari. 

Questi dati fanno segnare un trend nuovo rispetto agli ultimi anni analizzati, con una spesa media per persona di 152 dollari, in crescita del 4% rispetto al record dell’anno precedente di 146 dollari. “La Pasqua cade più tardi quest’anno e la maggior parte dei consumatori ha quasi un mese in più per fare acquisti, e anche un meteo più caldo e favorevole contribuisce ad una spesa maggiore”, ha dichiarato Matthew Shay Presidente e CEO di NRF. “Dovremmo trovarci davanti a una situazione molto positiva, dove i consumatori sono propensi agli acquisti e i rivenditori sono più inclini a proporre offerte su tutte le categorie merceologiche che riguardano la Pasqua. Dopo il cibo, che registrerà una spesa di 5,8 miliardi di dollari, l'abbigliamento è la seconda categoria più in crescita, con una spesa di circa 3,3 miliardi di dollari (+ 9% per cento rispetto allo scorso anno).”

Il 58% dei consumatori si indirizzerà al discount, il 46% andrà a grandi magazzini e il 26% farà acquisti presso piccole realtà locali. Inoltre, si registra il 27% di acquisti online, rispetto al 21% dello scorso anno. Pasqua si riconferma, quindi, una festività molto sentita e celebrata da tutti e, in particolare dalle giovani famiglie con bambini. Le previsioni sono buone, non c’è che da festeggiare!

September 30/03/2017

Italian Exhibition Group organizzerà OROAREZZO (6-9 maggio) e Gold Italy (21-23 ottobre)

Da sabato 6 a martedì 9 maggio 600 aziende dei più importanti distretti del gioiello si danno appuntamento ad Arezzo per OROAREZZO, con la gestione unica di IEG.

A seguito dell’intesa con Arezzo Fiere e Congressi, Italian Exhibition Group, oltre ad organizzare le tre edizioni di VICENZAORO (gli eventi di gennaio e settembre a Vicenza e l’appuntamento di novembre a Dubai), gestirà complessivamente l’organizzazione di OROAREZZO (6-9 maggio) e Gold Italy (21-23 ottobre) ad Arezzo, già dalle prossime edizioni. Ad OROAREZZO, da sabato 6 a martedì 9 maggio,  le migliori 600 aziende del settore presenteranno le loro ultime creazioni alla 38° Mostra Internazionale dell'Oreficeria, Argenteria e Gioielleria. OROAREZZO mette in mostra il meglio del Made in Italy del gioiello: oreficeria, bigiotteria, gioielleria e pietre, nuove tendenze, modelli moda, accanto a tecnologie, 3D, prodotti e servizi per il settore.  Anelli, bracciali, orecchini, l’attualità dell'oro e dell'argento. L'edizione 2017 del contest JEWEL'S DREAM rivelerà le forme infinite del bracciale, gioiello irrinunciabile, senza tempo, che si reinventa icona di stile.

 

L’accordo, supportato anche dal Ministero dello Sviluppo Economico, dà vita ad una piattaforma fieristica rappresentativa di tutta l’oreficeria e la gioielleria italiana, con l’obiettivo della crescita e della valorizzazione internazionale di un settore d’eccellenza del Made in Italy. La definizione di un unico soggetto interlocutore per le Istituzioni, le Associazioni, le aziende e gli operatori consentirà di sviluppare in modo più efficace una strategia di promozione e comunicazione a livello nazionale e internazionale di tutto il distretto orafo italiano, concentrando e utilizzando al meglio le risorse e gli investimenti. Italian Exhibition Group procederà alla caratterizzazione e valorizzazione delle singole Manifestazioni e del loro legame con il territorio, ma in una forte ottica di sistema. L’obiettivo è potenziare il comparto, aumentando le occasioni di business per gli espositori, sia stimolando il mercato interno, sia favorendo la presenza di buyer internazionali per supportare l’accesso delle aziende ai mercati strategici della gioielleria.

September 30/03/2017

Talento Italiano presenta la nuova collezione “Rugiada”

Swingdiamonds è il brevetto internazionale creato da Antonio Sartori per la sua nuova creazione, dove i diamanti si trasformano in scintillanti gocce di rugiada, tra luci e ombre

Antonio Sartori, architetto milanese con una lunga storia familiare nel mondo dei gioielli, anima, fondatore e designer di Talento Italiano, presenta con orgoglio la sua nuova magica e sorprendente collezione: “Rugiada”, realizzata con il brevetto internazionale “swingdiamonds”. Scintillanti gemme, che si muovono in un continuo gioco di luci e ombre, come foglie bagnate di rugiada mosse dal vento, a creare un’atmosfera incantata e onirica.

Talento Italiano, fondata nel 1994, ha visto nei suoi primi anni di vita una crescita eccezionale, raggiunta grazie al design straordinario e al grande impatto delle creazioni del suo fondatore.

Talento è un'azienda giovane e piena di energie, idee e passione, che sta occupando un ruolo sempre più di rilievo tra i marchi di gioielleria più importanti che rappresentano il Made in Italy in tutto il mondo.

La filosofia creativa di Talento nasce dalla continua ricerca della semplicità e dallo sviluppo delle qualità strutturali ed estetiche dei materiali, continuando a guardare all’evoluzione continua dei costumi e dei gusti delle società.

Per Antonio Sartori un gioiello non deve essere solo esperienza estetica, ma anche modello di bellezza funzionale. Forme che si adattano al corpo e ne diventano parte, esprimendo stati d'animo e sentimenti della donna che sceglie di indossarli.

Sartori trae ispirazione dalla natura, dalla profonda cultura dell'arte italiana e dalle emozioni profonde di un uomo appassionato.

I gioielli Talento Italiano sono rigorosamente “Made in Italy”, completamente realizzati in Italia da donne e uomini che in ogni istante raccontano se stessi e trasmettono la loro cultura italiana.

Ogni gioiello Talento deriva da un’intuizione artistica, da una sensazione, dalla curiosità suscitata da un dettaglio, espressa prima in un disegno, per prendere poi forma concreta.

Talento “significa” gioielli contemporanei, che vivono la loro era, non fuori dai tempi, ma un ritratto di essi. Oro e argento, diamanti e pietre naturali, esperienza e sperimentazione, gioielli preziosi e accessori di moda per un'eleganza attuale e senza tempo. Uno stile inconfondibilmente italiano, così di moda da diventare un nuovo classico.

NEWS & EVENTS
FIERA DI VICENZA

Via dell'Oreficeria 16
36100 Vicenza, Italy

Tel. +39 (0) 444 469 111

Fax +39 (0) 444 969 000

E-mail: info@vicenzaoro.com

FOLLOW US